Tab social
tab iniziative
Facebook
linkedin
 pulsante move
 
news

News

 
14/06/2017 Dal Territorio
Convegno Pir 8 Giugno - Vantaggi fiscali e sostegno all’economia reale

Investimenti dal rendimento incerto, da affrontare con il giusto approccio e le soluzioni oggi più opportune.

Banca del Centroveneto ha colto nel segno rispetto ad una esigenza molto sentita dalla clientela: affollatissimo il convegno informativo dal titolo “Pir. Vantaggi fiscali e sostegno all’economia reale”, che si è tenuto all’hotel Viest di Vicenza, aperto dal benvenuto del Presidente Flavio Stecca.

I relatori Gianluca Filippi, Responsabile Finanza e Bancassicurazione di Cassa Centrale Banca e Massimo Tamanini Gestore di Cassa Centrale Banca hanno fornito interessanti chiavi di lettura.

Il PIR (piano individuale di risparmio) è una nuova forma di investimento a medio/lungo termine, introdotta dalla Legge di Bilancio 2017 con lo scopo di veicolare gli investimenti dei risparmiatori anche verso le piccole e medie imprese italiane, per stimolare l’economia reale e nel contempo offrire ai sottoscrittori un nuovo strumento d’investimento fiscalmente vantaggioso.

“Banca del Centroveneto ha voluto presentare questo evento sul PIR perchè lo ritiene una novità importante per il risparmiatore- ha introdotto il Presidente Stecca. I PIR convogliano gli investimenti verso le azioni e le obbligazioni delle PMI italiane, e offrono notevoli vantaggi fiscali a chi li sottoscrive”.

“A mo’ di esempio, titoli di Stato emessi da Stati Sovrani, ed altri strumenti finanziari sono tassati in maniera variabile secondo una forbice che va dal 12,50% al 26%- spiega il Direttore Generale Mariano Bonatto. Ai PIR invece si applica un'aliquota pari a zero. Quindi niente tasse- spiega il Direttore. Banca del Centroveneto consiglia di investire anche importi piccoli attraverso versamenti mensili, creando in tal modo portafogli ben diversificati. Ma c’è di più- conclude il DG Bonatto. Gli strumenti finanziari detenuti nei PIR si confermano ancor più vantaggiosi perché non sono soggetti all'imposta sulle successioni sul patrimonio investito. La nostra clientela sta dimostrando di apprezzare questa opportunità di investimento proposta dal nostro Istituto”.

 

fotoconvegno1

fotoconvegno2