Tab social
tab iniziative
 Facebook
 linkedin
 youtube_tatiana

 pulsante move

  CBB IMMOBILE

 
news

News

 
13/03/2018 Dal Territorio
Centroveneto Bassano Banca scommette sulle aziende vicentine

Centroveneto Bassano Banca scommette sulle aziende vicentine

La banca di Credito Cooperativo e Confindustria Vicenza siglano un accordo

Un nuovo plafond di 10 milioni di euro per le aziende vicentine e tante opportunità per chi produce.

Centroveneto Bassano Banca e Confindustria Vicenza hanno firmato a Palazzo Bonin Longare, sede dell’Associazione Industriali di Vicenza, un accordo per supportare la crescita delle imprese operanti sul territorio vicentino, favorendo gli investimenti, i progetti di innovazione tecnologica, ma anche di ricerca e sviluppo su scala nazionale ed internazionale.

Il progetto è frutto di una forte collaborazione tra la Banca e l’Associazione di categoria che rende disponibile un plafond per le necessità delle aziende e soprattutto degli operatori vicentini.

Il plafond di 10 milioni di euro, messo a disposizione da Centroveneto Bassano Banca delle aziende associate a Confindustria di Vicenza, assicura il dialogo continuo con le imprese e mette a disposizione tutti gli strumenti operativi e finanziari per il rilancio e lo sviluppo del territorio.

"È nostra intenzione, - informa Mariano Bonatto, DG di Centroveneto Bassano Banca- continuare a lavorare come abbiamo sempre fatto in tema di finanziamenti, vale a dire guardando alla strategia ed alla capacità di sviluppo dell’azienda, supportandole nelle attività tese a migliorare la loro competitività e sviluppando i loro programmi di crescita in Italia ed all’Estero. Fare Banca significa sempre più saper accompagnare il tessuto produttivo locale rispetto alle sempre nuove esigenze del mercato e degli operatori. Proprio in questa fase – continua il dg Bonatto- abbiamo pensato ad un nuovo strumento generale, tarato sulle richieste delle aziende stesse con le quali lavoriamo, per sostenere il tessuto imprenditoriale della nostra provincia instaurando una proficua collaborazione con Confindustria Vicenza. Per il nostro Consiglio di Amministrazione si tratta di un vero e proprio impegno rinnovato con il territorio- assicura- per dare pieno supporto alle aziende che stanno dimostrando capacità di ripresa sia sotto il profilo dell’innovazione, sia della qualità”.

“Questo accordo - spiega Mirko Bragagnolo, delegato di Confindustria Vicenza per il credito e la finanza - ha l’importante qualità di fornire una risposta concreta a un range di esigenze finanziarie molto ampio. Si va dai finanziamenti a breve termine e alla liquidità fino agli investimenti, che riguardano quindi un’orizzonte di medio-lungo termine. Inoltre questo accordo riconosce anche il Credit Passport, report di Credit Data Research che misura la probabilità di insolvenza e che come Confindustria Vicenza abbiamo fornito gratuitamente, per quanto riguarda la sua parte di analisi finanziaria, a oltre 1.000 imprese associate. Le aziende che lo presenteranno avranno un deciso taglio dei costi di istuttoria”.

Nel dettaglio la convenzione firmata da Centroveneto Bassano Banca e da Confindustria Vicenza prevede 3 agevolazioni fondamentali per le imprese.

La prima opzione privilegia beni strumentali e industria 4.0 attraverso l’erogazione di finanziamenti agevolati e leasing per investimenti in macchinari, impianti, beni strumentali di impresa e attrezzature nuove ad uso produttivo, hardware, software e tecnologie digitali.  Rientrano in questa categoria gli investimenti nell’Industria 4.0. Gli investimenti dovranno essere compresi tra un minimo di 30 mila euro e un massimo di 2 milioni di euro.

La seconda opzione riguarda invece i finanziamenti a breve termine per sostenere le imprese durante i momenti di maggior impegno economico: si va da un minimo di 30 mila euro a un massimo di 500 mila euro con durata di 18 mesi.

Una terza opzione, materia della convenzione riguarda lo smobilizzo dei crediti. Si tratta di una opportunità spesso richiesta dalle aziende; in questo caso la Banca sostiene la liquidità dell’impresa anticipando i crediti e il saldo delle fatture.

confindustria